Story posted as a reason to

Donate to American River Conservancy

Darrius Maldonado
Darrius Maldonado campaign leader

Forzate Il Blocco

---------------------------------------

DOWNLOAD: http://urllie.com/onht3

---------------------------------------
.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

b0e6cdaeb1 Questo è stato un altro film che ha visto un coinvolgimento preliminare nella sua fase di sceneggiatura da Luis Bunuel durante il periodo di Surrealismo spagnolo a Hollywood - prima di essere ri-trasformato in un flagwave standard di Hollywood (dal suo studio più blando, MGM, non meno). Inutile dire che non c'è quasi nulla di ciò che può aver fatto appello agli ideali comunisti di Bunuel qui; tuttavia, visti i migliori talenti al lavoro, il film non poteva non essere divertente (se banale e artificioso all'estremo - più su questo più tardi); tuttavia, il film non meritava quasi l'unica osservazione esilarante e sprezzante di Leonard Maltin in risposta al comando titolativo, & quot; Stiamo ancora aspettando ... & quot; <br/> <br/> In effetti, la storia e la sceneggiatura erano numerate da vari scribi noti: John L. Balderston, George Bruce, R.C. Sceriffo â € "tutti, incidentalmente, ex collaboratori di un altro dei miei cineasti preferiti, James Whale, e Herman J. Mankiewicz (idem Citizen KANE di Orson Welles [1941]); per quanto riguarda il cast, abbiamo Robert Taylor (intervenuto per Robert Donat), Charles Laughton (questa fase della sua carriera è stata particolarmente insoddisfacente per l'attore teatrale, anche se sarebbe tornato in questo stesso ambito per una delle sue ultime immagini, UNDER TEN FLAGS [1960]), Brian Donlevy, Walter Brennan, Chill Wills, Douglas Dumbrille, il futuro regista Richard Quine, ecc. La maggior parte di questi sono rigorosamente tipografici, ma passano attraverso la pura professionalità e chimica: le tre stelle giocano bene l'una sull'altra con Taylor, il moccioso arrogante, Laughton, il capo aggraziato eppure stupefatto, e Donlevy, lo skipper dedicato di un antico cacciatorpediniere richiamato in servizio attivo all'inizio della seconda guerra mondiale (con tanto di custode vivente e adorabile ... Brennan , ovviamente). <br/> <br/> Anche se il film fa molto dell'attrito iniziale tra il capitano e il suo aiutante, che si sviluppa prevedibilmente in comprensione reciproca e, infine, rispetto, la sua vera ragion d'essere è stata la sottotrama evidenziando il cacciatorpediniere che salva 'un carico di innocenza' (il titolo della storia su cui era basato e che aveva originariamente affrontato la guerra civile spagnola!), cioè una nave arenata piena di sfollati da un ospedale materno bombardato. Ciò si traduce in un notevole sollievo dalla commedia che cringe - Bunuel avrebbe ovviamente trattato l'intero episodio in modo molto più sobrio - con gli uomini tutti in mare (gioco di parole) prima di questa inaspettata "crisi" ... sebbene, tra non molto, un un carpentiere di mezza età, la cui moglie è un'infermiera e un chitarrista che strimpella la chitarra, Chill Wills, prende la situazione saldamente in mano; Laughton, che requisisce un convoglio a cui è stato anche assegnato il cacciatorpediniere (non senza riserve), alla fine si addolcisce a questo giro di eventi, specialmente dopo che entrambe le signore soccorse procedono a partorire a bordo della nave! <br/> <br/> Come ho detto, di fronte a fatti così inverosimili, a cui si deve aggiungere l'attaccamento ugualmente sentimentale di Brennan alla "vecchia ragazza". chi può ancora & quot; prendilo & quot; (ferito a un certo punto e ricadendo nei giorni di servizio della prima guerra mondiale, decide ancora di fare la sua parte per lo zio Sam nel finale!), il film in realtà non ottiene alcun segno di realismo ma, di nuovo, è così tipico del prevalente stile

Campaign closed

About this story
  • Shared 0 times
to comment