Progress

365 signed
635 more needed

Sign the Petition to

Parlamento Italiano

Il Ministro Saccomanni, dal G-20 di Mosca ha ufficializzato che il Governo Letta procederà alla messa sul mercato delle residue quote pubbliche delle grandi imprese ENI, ENEL, FINMECCANICA; ma le intenzioni di privatizzazione riguardano anche POSTE, FERROVIE, FINCANTIERI, le reti del gas e della luce di Snam e Terna (la prima già ceduta alla Cassa, la seconda oggi quotata e in parte sul mercato), i binari di Rfi, i fili e i tubi della Telecom.  Questa svendita di ciò che resta del patrimonio pubblico italiano serve secondo il governo ad abbassare radicalmente lo stock del debito, come già fatto a partire dagli anni '90, ma senza alcun apprezzabile risultato. In realtà si tratta di una regalia ai cosiddetti mercati, affinché si astengano da ulteriori speculazioni. E' verosimile, anzi certo, che questo patrimonio sarà acquistato dagli stessi soggetti finanziari e imprenditoriali che controllano il debito pubblico italiano e che su di esso hanno speculato acquisendo enormi fortune. Attraverso gli interessi sul debito pagati dai cittadini essi otterranno anche i beni fisici con cui controllare definitivamente l'economia del paese. Ci opponiamo drasticamente a questa scelta perchè: 

1)- Queste grandi aziende costituiscono il tessuto connettivo dell'economia del paese e sono tutte strategiche per la loro funzione attuale e per quella che potranno svolgere in futuro nella ristrutturazione ecologica, civile e tecnologica del sistema economico italiano. 

2)- Queste aziende sono state costruite con il lavoro e le tasse di 4 o 5 generazioni di italiani lungo il corso di oltre un secolo; i proprietari delle quote residue in mano allo Stato sono dunque i cittadini italiani che non possono essere espropriati della possibilità di decidere sul loro assetto attuale e futuro. 

3)- La pressione per vendere queste imprese viene dalle grandi centrali economiche e finanziarie private italiane e straniere che mira, attraverso il "terrore del debito", a ridurre l'Italia ad un territorio coloniale privo di reale autonomia e sovranità. 

Ciò è inaccettabile. Il debito va invece ricontrattato e va interrotta la spirale di appropriazione privata dei beni pubblici in ogni ambito. Non si deve cedere alle azioni criminali dell'usura nazionale ed internazionale e degli ambienti politici che la sostengono o che ne sono succubi.  Il referendum sull'acqua pubblica ha dimostrato che la stragrande maggioranza degli italiani è contro la privatizzazione dei beni comuni. Anche queste imprese lo sono. Sono i cittadini a dover decidere.


Signed,

Rodolfo Ricci

This petition closed 7 months ago

How this will help

La proprietà statale delle grandi imprese italiane a rischio privatizzazione determina le opportunità di sviluppo del sistema paese in settori strategici della produzione e della ricerca....

La proprietà statale delle grandi imprese italiane a rischio privatizzazione determina le opportunità di sviluppo del sistema paese in settori strategici della produzione e della ricerca. Mantenere le quote pubbliche di queste imprese significa quindi non perdere la possibilità di un futuro che non sia deciso esclusivamente dal "mercato" ovvero di un futuro neo-coloniale deciso per l'Italia dalle altre potenze.

10 comments

to comment